Nell’articolo di qualche giorno fà ti parlavo di come l’industria italiana 4.0 stia registrando una crescita del 25% rispetto all’anno scorso e di come stia aumentando sempre di più la consapevolezza che questo passaggio da qui a breve sarà inevitabile per tutti.(se non l’hai ancora letto clicca qui)

Nel frattempo però, parlando con molti imprenditori come te mi sono reso conto che non c’è ancora molta chiarezza sulla parte burocratica piuttosto che sui requisiti che una macchina deve avere per rientrare nel piano di ammortamento.

Ho quindi deciso di scrivere una piccola mini guida dove con alcuni esempi pratici e conti alla mano (la cosa piu’ importante) cerchero’ di fare chiarezza sui vantaggi che questo piano di iper-ammortamento può concretamente portare per te e per la tua azienda in termini di soldini.

Come saprai circa un annetto fà è stata approvata dalla Camera dei Deputati e Senatori la legge di bilancio 2017.

Questo significa che la manovra finanziaria per il 2017 e’ diventata legge.

Entrando più nello specifico ci sono delle significative novità per chi investe.

Lo Stato con la Legge di Stabilità 2017 mette a disposizione 20 miliardi di euro che nello specifico comprende:

1) Estensione del super ammortamento del 140%;

2) Una proroga della Legge Sabatini a tutto il 2017 per il finanziamento degli investimenti fatti dalle imprese;

3) Conferma dell’iper-ammortamento al 250% per chi decide di investire in innovazione e cioè entrando di fatto in quella che viene chiamata “Industria 4.0“.

Ora sicuramente ti starai chiedendo: Ok tutto bello fin quà.

Ma come si fa ad usufruire di queste agevolazioni e qual’è la differenza tra super e iper ammortamento?

Cerchiamo di andare passo passo e di fare un pò di chiarezza.

Allora…

Riprendiamo un attimo il discorso del super-ammortamento giusto per rinfrescarci la memoria.

Cito la definizione del Ministero dello Sviluppo Economico

Il super ammortamento è un’agevolazione che prevede l’incremento del 40% del costo fiscale di beni materiali originariamente acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016, oggi prorogata. Il maggior costo, riconosciuto solo per le imposte sui redditi e non ai fini Irap, può essere infatti portato extracontabilmente in deduzione del reddito attraverso l’effettuazione di variazioni in diminuzione in dichiarazione.

Esempio:

Nel caso dell’ammortamento ordinario, partendo da un investimento pari a 1 milione di euro (cifra puramente indicativa), il risparmio d’imposta netto è di 240mila euro, che diventano 336mila con il super ammortamento.

tabella super ammortamento 140%

Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico

La vera novità invece è quella si cui faremo maggior attenzione oggi ossia l’iper-ammortamento del 250% per gli investimenti in innovazione e più nello specifico per chi acquista e implementa sistemi INDUSTRIA 4.0.

A distanza da quasi un anno dall’approvazione della Legge di Bilancio 2017 spesso e volentieri ricevo domande da parte di molti di voi su come e quando procedere, su chi rientra e chi no e soprattutto su una buona ed esaustiva informazione su come usufruire del piano di ammortamento senza incorrere in sanzioni.

Inutile dirti che usufruire dell’iper-ammortamento del 250% senza fare i passi giusti si rischiano delle cifre da capogiro!

Ma andiamo in ordine.

Una delle domande che maggiormente mi è stata posta è la seguente:

 

Chi stabilisce se un prodotto è 4.0 e puo’ essere quindi ammortizzato al 250%?

 

Come si legge nell’articolo 3, comma 4, del Disegno di Legge di Bilancio 2017, per la fruizione dei benefici, l’impresa è tenuta a produrre una dichiarazione resa dal legale rappresentante o, per i beni aventi ciascuno un costo di acquisizione superiore a 500.000,00 Euro, una perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale iscritti nei rispettivi albi professionali o da un ente di certificazione accreditato, attestante che il bene possiede caratteristiche tecniche tali da includerlo negli elenchi di cui all’allegato A o all’allegato B ed è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.

Un altro punto non indifferente, sempre per premiare i veri investitori in tecnologia è proprio questo ultimo punto sopra ossia

“Interconnesso al sistema aziendale

Mi spiego meglio…

Non basta acquistare un prodotto 4.0 per usufruire del 250%, ma bisogna anche integrarlo in azienda, all’interno quindi di un ambiente di lavoro 4.0.

Si sta discutendo che questa integrazione dovrà essere certificata da parte dell’acquirente in quanto il venditore del bene 4.0 non può farsi carico dell’organizzazione interna di ogni cliente e non si può neanche pensare di interferire nell’azienda del cliente su questo tema di organizzazione aziendale.

 

 

Ma entriamo più’ nel dettaglio.

1) Le caratteristiche che una Macchina Utensile deve avere per poter usufruire dell’iper-ammortamento e cosa significa “interconnesso al sistema aziendale”.

 

La legge approvata parla molto chiaramente di come un prodotto come le Macchine Utensili possono essere classificate 4.0 oppure no.

Ecco qua l’estratto.

 

Nella categoria 1:

“Beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti”, rientrano, ad esempio, Macchine Utensili destinate ad una serie di operazioni (es. asportazione, assemblaggio, ecc ecc);

Robot e Sistemi Robotizzati;

Magazzini automatizzati e interconnessi;

Macchine, strumenti e dispositivi automatizzati per la logistica;

Strumenti per il trattamento e recupero di residui.

 

Tutte le macchine facenti parti di questa categoria dovranno, però, essere dotate delle seguenti caratteristiche:

 

1) Controllo per mezzo di CNC (letteralmente Computer Numerical Control) e/o PLC (letteralmente Programmable Logic Controller);

2) Interconnessione ai sistemi di fabbrica della Macchina con la possibilità di caricamento da remoto di istruzioni o parti di programma;

3) Integrazione automatizzata con il sistema logistico dell’azienda o con la rete di fornitura, o con altre macchine del ciclo produttivo.

4) Avere un interfaccia Uomo/Macchina più’ semplice e intuitiva possibile;

5) Deve rispondere ai più’ recenti parametri di sicurezza, salute e igiene del lavoro.

 

Un ‘altra condizione da soddisfare è che tutte le macchine siano “dotate di almeno due delle seguenti caratteristiche per farsi che siano assimilabili o integrabili ai cosiddetti

2) Sistemi Cyber-fisici.

Ossia:

1) Sistemi di tele-manutenzione o tele-diagnosi o controllo in remoto della macchina;

2) Monitoraggio continuo delle condizioni di lavoro e dei parametri di processo mediante una serie di sensori;

3) Caratteristiche di integrazione tra macchina fisica e impianto con la modellizzazione o simulazione del proprio comportamento nello svolgimento del processo (Sistema Cyber-fisico)

4) Dispositivi, strumentazione e componentistica intelligente per l’integrazione, la sensorizzazione e/o l’interconnessione e il controllo automatico dei processi utilizzati anche nell’ammodernamento o nel revamping dei sistemi di produzione esistenti;

5) Filtri e sistemi di trattamento e recupero di acqua, aria, olio, sostanze chimiche e organiche, polveri con sistemi di segnalazione dell’efficienza filtrante e della presenza di anomalie o sostanze aliene al processo o pericolose, integrate con il sistema di fabbrica e in grado di avvisare gli operatori e/o di fermare le attività di macchine e impianti”.

 

3) Interconnesso al sistema aziendale.

 

Tra i tanti dubbi sollevati dalla disposizione, uno è relativo alla definizione del concetto di “interconnessione”, requisito fondamentale per poter fruire dell’iper ammortamento.

L’Agenzia delle Entrate ha risposto ad alcuni quesiti sulle nuove disposizioni fiscali, tra cui uno relativo proprio al tema dell’interconnessione, fornendo una definizione che corrisponde a quella data dal Ministero e che fuga ogni dubbio.

In poche parole, l’interconnessione è di fatto lo scambio di informazioni tra una macchina univocamente riconoscibile in rete con altri sistemi interni o esterni all’azienda, basato su protocolli di comunicazione standard.

Questa la definizione:

Affinché un bene, coerentemente con quanto stabilito dall’articolo 1, comma 11, della legge di Bilancio 2017, possa essere definito “interconnesso” ai fini dell’ottenimento del beneficio dell’iper-ammortamento del 250%, è necessario e sufficiente che:

1) Scambi informazioni con sistemi interni (sistema gestionale, sistemi di pianificazione, sistemi di progettazione e sviluppo del prodotto, monitoraggio, anche in remoto, e controllo, altre macchine dello stabilimento, ecc.) e/o esterni (clienti, fornitori, partner nella progettazione e sviluppo collaborativo, altri siti di produzione, supply chain, ecc.) per mezzo di un collegamento basato su specifiche documentate, disponibili pubblicamente e internazionalmente riconosciute (esempi: TCP-IP, HTTP, MQTT, ecc.);

2) Sia identificato univocamente, al fine di riconoscere l’origine delle informazioni, mediante l’utilizzo di standard di indirizzamento internazionalmente riconosciuti (indirizzo IP).

 

Fatta chiarezza su cosa è possibile ammortizzare grazie al piano di iper-ammortamento facciamo un esempio pratico:

tabella iper ammortamento 250%

Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico

Sempre partendo da un investimento pari a 1 milione di euro, il risparmio d’imposta netto è di 240mila euro, che diventano 336mila con il super ammortamento e 600mila grazie all’iper ammortamento.

Mi sembra inutile dirti che il vantaggio sia a dir poco considerevole.

 

Ora voglio lasciarti con una serie di domande e risposte che la maggior parte di voi si sta chiedendo e che ti aiuteranno a fare ulteriore chiarezza.

 

1) Quali sono le tempistiche per godere dell’iper-ammortamento del 250%?

L’iperammortamento vale per beni acquistati, anche in leasing, dal 1 gennaio 2017 fino al 31 dicembre 2017.

È possibile applicarla anche a beni consegnati, installati e messi in funzione fino al 30 giugno 2018; però deve essere stato emesso l’ordine e pagato un acconto — maggiore del 20% —  entro il 31 dicembre 2017.

 

2) Chi può godere del beneficio fiscale dell’iper-ammortamento del 250%?

Possono goderne tutte le imprese italiane (con sede fiscale in Italia, anche con sede operativa stabile fuori Italia) di tutte le tipologie (srl, spa, sas, snc) e di tutti i settori economici, ad esclusione delle imprese che applicano il nuovo regime forfettario.

 

3) Cosa deve fare l’impresa per godere del beneficio dell’iper-ammortamento del 250%?

L’impresa deve acquistare i beni, materiali o immateriali, dal 1 gennaio 2017 fino al 31 dicembre 2017oppure deve emettere l’ ordine e pagare un acconto maggiore del 20% entro il 31 dicembre 2017 e mettere in funzione il bene entro il 30 giugno 2018.

L’impresa deve poi preparare un’attestazione che dimostri che il bene:

  • possieda tutte le caratteristiche tecniche vincolanti previste dalla legge;
  • sia interconnesso al sistema di gestione della produzione o alla rete di fornitura.

 

4)I soldi risparmiati con il beneficio fiscale a chi vanno chiesti?

Stavolta non ci saranno bandi e sportelli, i soldi non andranno richiesti; al beneficio si accede in automatico in fase di redazione di bilancio e tramite relazione sostitutiva del legale rappresentante.

In pratica l’impresa verserà meno tasse.

Stavolta non ci saranno bandi e sportelli, i soldi non andranno richiesti; al beneficio si accede in automatico in fase di redazione di bilancio e tramite relazione sostitutiva del legale rappresentante.

In pratica l’impresa verserà meno tasse.

 

5) Chi deve fare l’attestazione  per l’iperammortamento del 250%?

Per beni con un costo fino a 500.000 euro basta una dichiarazione di atto notorio da parte del legale rappresentante dell’impresa.

Per beni di costo superiore a 500.000 euro, serve una perizia tecnica giurata da parte di un ingegnere o perito industriale, iscritti all’albo professionale, o un attestato di conformità emesso da un ente di certificazione accreditato (definizione da testo di legge, non è chiaro se si tratta di Ente Notificato).

L’attestazione deve essere fatta per il singolo bene, non vale un’attestazione unica per tutti i beni acquistati nell’anno.

 

6) Quando deve essere fatta l’attestazione per l’iper-ammortamento del 250%?

L’attestazione deve essere fatta entro il periodo di imposta in cui il bene entra in funzione e viene interconnesso con la fabbrica.

Solo dal momento dell’interconnessione vale l’iper-ammortamento del 250%; prima — con solo la macchina in funzione — si applica il super-ammortamento del 140%.

 

7) E se un bene non ha le caratteristiche per usurfruire dell’iper-ammortamento del 250%?

In questo caso il bene (macchina, impianto ecc.) può godere del superammortamento del 140% che non richiede alcuna particolare attestazione.

 

8) I benefici fiscali dell’iperammortamento del 250% sono cumulabili con altri benefici?

SÌ, sono cumulabili con:

  • nuova Sabatini;
  • credito d’imposta per ricerca e sviluppo;
  • patent box;
  • ACE (incentivi perché le imprese aumentino il patrimonio d’impresa);
  • incentivi per start up e PMI innovative;
  • fondo centrale di garanzia.

 

9) Cosa succede per le macchine acquistate in leasing?

Si ritiene (dalla Guida Contabilità e bilancio  di RIVISTE 24, Il Sole 24 Ore,  12 gennaio 2017) che l’iperammortamento del 250sia applicabile anche ai beni acquistati in leasing.

La data da utilizzare per calcolare l’ammortamento è in questo caso la data della consegna oppure la data del collaudo se è prevista una clausola di prova.

È quindi necessario che il bene sia collegato, integrato ed interconnesso al sistema aziendale e sia stata emessa l’attestazione entro il periodo di imposta in cui il bene entra in funzione e viene interconnesso con la fabbrica.

Fatte queste tre cose l’impresa può applicare sui canoni di leasing l’iperammortamento del 250 %, ma solo limitatamente alla quota capitale e non alla quota interessi!

 

10) Chi compra beni per darli in leasing o noleggio ad altre aziende può godere dell’iperammortamento del 250%?

NO, è escluso il beneficio fiscale per chi acquista beni e poi li dà in uso o locazione finanziaria ad altri, perché non si verifica mai il requisito di interconnessione per chi ha acquistato il bene.

 

11) I beni usati ed il revamping sono compresi nell’iperammortamento?

Il decreto milleproroghe ha chiarito che :

Costituiscono inoltre beni funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave industria 4.0 i seguenti: dispositivi, strumentazione e componentistica intelligente per l’integrazione, la sensorizzazione e/o l’interconnessione e il controllo automatico dei processi utilizzati anche nell’ammodernamento o nel revamping dei sistemi di produzione esistenti.

Quindi beneficiano dell’ iperammortamento anche gli interventi di revamping, ovviamente per i costi di acquisto dei beni descritti più sopra.

A proposito di revamping e di beni usati, si è espressa la Circolare 4E del 30-3-2017 dell’Agenzia delle Entrate e MISE  (pag. 28), chiarendo che:

Con riguardo ai beni complessi, alla realizzazione dei quali abbiano concorso anche beni usati, si precisa che il requisito della “novità” sussiste in relazione all’intero bene, purché l’entità del costo relativo ai beni usati non sia prevalente rispetto al costo complessivamente sostenuto.

Tale circostanza dovrà sussistere sia i) nell’ipotesi di acquisto a titolo derivativo da terzi di bene complesso che incorpora anche un bene usato che ii) nell’ipotesi di bene realizzato in economia.

Nel caso i), il cedente dovrà attestare che il costo del bene usato non è di ammontare prevalente rispetto al costo complessivo. Qualora il bene complesso che incorpora anche un bene usato possa, secondo i principi sopra esposti, essere considerato “nuovo”, l’importo agevolabile è costituito dal costo complessivamente sostenuto dal cessionario per l’acquisto del bene.

Nell’ipotesi ii), invece, il bene complesso costruito in economia, dotato del requisito della “novità”, può fruire della maggiorazione, oltre che sul costo afferente alla componente nuova del bene complesso, anche sul costo della componente usata sempre ché sostenuto nel periodo agevolato.

 

12) Quali sono le sanzioni in caso di errore o frode?

La risposta a queste domande è spiegata in questa pagina di INNOVATION POST.

 

 

Cosa possiamo fare noi della IAM Service Srl per aiutarti?

Per aiutarti al meglio ad applicare il programma “Industria 4.0″, possiamo fornirti la nostra consulenza tecnica grazie a figure con esperienza ventennale nel settore.

In fase di selezione ed acquisto delle macchine verifichiamo le specifiche e le offerte dei costruttori per assicurare che le macchine soddisfino tutte le condizioni tecniche previste dalla legge con l’obiettivo di godere a pieno dell’ iper-ammortamento del 250% e soprattutto evitare sanzioni.

 

Vuoi saperne di più sull’ industria 4.0 ma non sai a chi rivolgerti?

Contattaci è capiamo insieme cosa fare.

Ricorda: per poter inviare correttamente la tua richiesta e’ necessario compilare correttamente tutti i campi contrassegnati da *






Il tuo Nome o della tua Azienda*
Il tuo indirizzo Email*
Oggetto del Messaggio*
Messaggio*
“.

 

Ricorda: “non sopravvive il più forte o il più intelligente, ma chi si adatta più velocemente al cambiamento

È in corso un cambio di paradigma: per le imprese non resta che evolversi, traendone il massimo beneficio, o morire d’inefficienza.